2016-07-08

Crowd4Roads (C4Rs.eu) - Intervista ad Alessandro Bogliolo


Roberto (BobMaX) Angeletti,  Alessandro Bogliolo

Incontriamo Alessandro Bogliolo, Professore Associato di Sistemi di Elaborazione dell'Informazione presso l' Università di Urbino, dove svolge ricerca negli ambiti delle reti di sensori, delle applicazioni mobili, della bioinformatica e del crowd-sensing. e coordinatore del progetto "SmartRoadSense".
  
Poniamo ad Alessandro Bogliolo una serie di dieci domande.

Domanda (1):   E' corretto dire che "SmartRoadSense" è "la mappa dello stato di manutenzione delle strade italiane" ?

Alessandro Bogliolo:  "E' quasi corretto... Servono solo due piccole precisazioni. La prima è che SmartRoadSense non è solo una mappa, ma un sistema per tenerla sempre aggiornata con il contributo di tutti. La seconda precisazione è che il dato che noi riportiamo misura l'irregolarità del manto stradale, non direttamente lo stato di manutenzione. Quindi i dati possono essere molto utili proprio a chi si occupa di manutenzione."




Domanda (2) A quanti chilometri di copertura "SRS" siamo arrivati ad oggi ?

Alessandro Bogliolo: "Ad oggi circa 30.000 km, ma per ora SRS è stato usato solo da poche centinaia di beta tester. Il bello viene adesso..."


Domanda (3) In genere, l'estate è un gran periodo di viaggi.  Ci saranno molti telefonini sul cruscotto, per registrare i dati SRS ? 

Alessandro Bogliolo: "Ogni smartphone con Android o iOS è un potenziale sensore di SRS. Basta scaricare l'app e avviarla quando si viaggia in auto per contribuire a mappare le strade percorse."


Domanda (4) Meglio coperture "cittadine" rispetto a lunghi percorsi ?  Intendo dire che conviene sperimentare con dati locali verificabili e ripetibili, piuttosto che lunghe e "noiose" autostrade ?

Alessandro Bogliolo: "Personalmente non ho preferenze ;-) Seriamente, ogni strada merita di essere monitorata. Farlo è talmente semplice e automatico che non farei distinzioni. Tutti i dati sono automaticamente validati da quelli conferiti da altri utenti. "




Domanda (5) Ha una qualche influenza la velocità dell'auto ?  C'è una velocità ottimale ?

Alessandro Bogliolo: "SRS non registra dati rilevati viaggiando a meno di 20km/h. La velocità ha una lieve influenza sulla misura, che è attualmente in corso di analisi dal punto di vista scientifico. Ma dal punto di vista pratico il dato è valido a qulunque velocità. L'unica raccomandazione (non per i dati ma per la sicurezza) è il rispetto dei limiti ;-) "


Domanda (6) E' riduttivo definire "Crowd4Roads" come "solo" l'estensione europea di "SmartRoadSense" ?

Alessandro Bogliolo: "Crowd4roads è in effetti molto di più, perchè è il riconoscimento del potere che hanno i cittadini (e gli automobilisti in particolare) nel contribuire con il proprio atteggiamento alla sostenibilità di un bene fondamentale come la rete stradale. E' questo il senso del progetto, a cominciare dal nome. Al progetto partecipano 7 partner di 4 paesi europei. Tra questi c'è BlaBlaCar, che aggiunge la condivisione di viaggi in auto alle buone pratiche per la sostenibilita, e istituzioni come la Regione Marche e la Regione Abruzzo, a dimostrazione dell'attenzione delle instituzioni alla sharing economy e alle iniziative dal basso. Proprio oggi BlaBlaCar ha pubblicato sul proprio blog l'invito ad usare SmartRoadSense: https://www.blablacar.it/blog/blablacar-smartroadsense-condizioni-stradali    "




Domanda (7) Un aspetto critico ed interessante è quello del sapere a priori quali strade non sono state ancora percorse dai volontari "SRS".  Per questo saranno usate tecniche di "gamification" ?

Alessandro Bogliolo: "Sì, è questo l'altro aspetto chiave di Crowd4roads: aggiungere una dimensione di gamification che faccia del monitoraggio delle strade un gioco avvincente. Non posso anticipare di più, ma avrete presto notizie!"



Nella foto: il Team di SmartRoadSense In ordine da sinistra a destra: Alessandro Bogliolo, Antonio Esposito, Andrea Seraghiti, Lorenz Cuno Klopfenstein, Michele Sorcinelli, Brendan Paolini, Saverio Delpriori, Alberto Carini, Valerio Freschi, Emanuele Lattanzi.


Domanda (8) E' ancora presto per stendere bilanci e statistiche a livello comunale, provinciale e regionale ?

Alessandro Bogliolo: "Assolutamente prematuro. Stiamo uscendo ora dalla fase di beta testing. A fine anno potremo riparlarne."


Domanda (9) In un catalogo nazionale degli OpenData quanta importanza potrà assumere lo storico dei dati SRS ?

Alessandro Bogliolo: "Dalla fine del 2016 in poi conto che i dati storicizzati di SRS assumano un ruolo importante nel panorama degli open data collaborativi di pubblica utilità, ma non sono in grado di quantificarne l'impatto."




Domanda (10) E' pensabile una App "C4Rs" che visualizza dati su mappe OSM offline e permette di scattare foto "Mapillary" dei tratti stradali più problematici ?

Alessandro Bogliolo: "E' sicuramente pensabile. E quel che è importante sottolineare è che chiunque abbia in mente un modo nuovo di usare i dati di SmartRoadSense può sviluppare la propria App e renderla disponibile a tutti perchè i dati sono aperti e il loro uso da parte di terzi è fortemente incoraggiato. SRS è una piattafomra che permette la collaborazione costruttiva tra chi vuole contribuire a mappare le strade e chi ha in mente usi creativi dei dati sulla loro qualità."




Ringraziamo Alessandro Bogliolo per la sua disponibilità.


A presto

BobMaX


Link utili:
http://exporttocanoma.blogspot.it/2015/08/smartroadsense-rilievo-dello-stato.html
http://smartroadsense.it/
http://www.c4rs.eu/
http://uniamo.uniurb.it/crowd4roads-un-progetto-che-piace-alleuropa/
http://www.eskillsforjobs.it/ambassadors/alessandro-bogliolo/291-alessandro-bogliolo
https://trasferimentotec.wordpress.com/2015/02/25/smartroadsense-unapplicazione-per-la-qualita-delle-strade/

Nessun commento: